VIOLATA, TORNA LA MOSTRA DI GILIBERTO A MESSINA

MESSINA. Torna a Messina la mostra ‘Violata’ del fotografo Domenick Giliberto. L’allestimento è un chiaro messaggio provocatorio di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne e il dramma del femminicidio. Presentata due anni fa al Teatro Vittorio Emanuele, poi in esposizione a Milazzo, sarà inaugurata domani, giovedì 22 novembre alle 18.30, nei locali del ristorante Extravergine (via Garibaldi, 87). La mostra rimarrà aperta fino a domenica 25 novembre, data della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Sono quattordici gli scatti in bianco e nero su tavole quadrate (misure 80 cm. X 80 cm.) realizzati grazie alla collaborazione di giovani attori dell’Ente regionale Teatro di Messina e la regia di Giovanna Manetto, che rappresentano diversi modi attraverso i quali viene perpetrata violenza mentale e fisica sulle donne. “L’ispirazione – spiega Giliberto – nasce da tragici casi di cronaca conosciuti. Diversamente dalla cronaca, però, dove spesso il finale è tragico, nelle mie foto lascio spazio a un messaggio di speranza. Non fermo lo scatto sul delitto, ma un attimo prima. È l’incubo della paura e, da un incubo come da un sogno, ci si può svegliare nella realtà dove l’omicidio non si compie”.

“Parlare di femminicidio in questi anni, grazie anche al lavoro delle tante associazioni impegnate a difendere e tutelare donne vittime di violenza – considera il fotografo messinese – ha fatto diminuire i delitti e dato forza alle vittime di denunciare. Ci sono tanti modi di violare le donne – conclude Giliberto – la brutalità fisica fa male ma, attraverso i miei lavori, non voglio trascurare la sofferenza che genera anche la violenza psicologica spesso, ancora, sottovaluta”. Per l’organizzazione dell’evento un ringraziamento particolare va ai titolari del locale, che gratuitamente ospiteranno la mostra, mostrando da subito grande entusiasmo verso l’iniziativa e sensibilità su un tema così importante. La mostra nasce in collaborazione anche con Yoga Time, Remax e con il patrocinio del Cirs Onlus Messina.

© Copyright Adnkronos
Share: