“UOMINI CHE AMANO LE DONNE” AL CIRS, PER DIRE NO ALLA VIOLENZA IN MUSICA E PAROLE

MESSINA. Un omaggio alle donne che è diventato anche un momento culturale appassionato ed intenso dove grandi momenti di teatro hanno affiancato la migliore musica made in Sicily.

Stiamo parlando della manifestazione voluta dal Cirs “Uomini che amano le donne” nella sede della onlus che ospita la casa famiglia con donne in difficoltà e vittime di violenza in via Monsignor Francesco Bruno. Una sede che ha accolto i partecipanti con uno straordinario fiore di sale bianco e lumini realizzato, insieme all’allestimento delle foto di Martha Micali stese come panni ad asciugare, dalla scenografa Francesca Cannavò.

Tra manifesti con aforismi dedicati da grandi scrittori all’universo femminile si è manifestato l’impegno di otto uomini, artisti e professionisti, per un 25 novembre, giornata contro la violenza sulle donne, che ha voluto valorizzare le esperienze di collaborazione ed integrazione nel rispetto della differenza di genere. Presente, a nome di tutta l’amministrazione comunale, anche l’assessore alle Politiche sociali Alessandra Calafiore.

“I femminicidi non sono opera di uomini malati, ma di uomini normali intrisi di una cultura che considera le donne come oggetti di cui è possibile disporre a piacimento e non come persone – ha detto in apertura la presidente Maria Celeste Celi – Perché un cambiamento sia possibile occorre incidere nella disparità storica dei rapporti di forza tra uomo e donna ma anche evitare di soffermarsi solo sugli episodi di violenza e offrire modelli virtuosi nella speranza che l’emulazione colga anche questi messaggi positivi”.

A rompere il ghiaccio il regista Vincenzo Tripodo che ha offerto tre monologhi dello straordinario lavoro teatrale “Nessun’altra mai”, liberamente ispirato al saggio “Ferite a morte” di Serena Dandini e portato in scena da Julia Vasilyeva, Floriana Restivo e Donatella Salvà di ActorGym.

 

Sul tema anche il pianista Cesare Natoli con un brando di Astor Piazzolla. Natoli ha ricordato anche la storia di Maria de Buenos Aires, un’opera tango su libretto del poeta Horacio Ferrer, composta da Piazzolla, che diventa cantante e prostituta. Una storia che diventa metafora del carattere orgoglioso, superbo e passionale come solo le donne sanno essere anche a costo di rischiare la propria vita.

A presentare la serata, Alfredo Reni, storico Dj speaker di radio Street che ha chiamato Eliana Camaioni ad introdurre il libro di Fabrizio Palmieri “Di amori diversi” edito lo scorso maggio da Ad Est dell’Equatore e già in ristampa.

Tre protagonisti, tre momenti di amore per le donne, che affronta il tema dell’omofobia, ma non è un romanzo di genere, scava nell’animo dei personaggi ma non è un noir, ha una trama mozzafiato ma non è un thriller. Avvincente il brano del libro letto da Michele Falica dell’Accademia On Stage di Paride Acacia.

Resteranno nel cuore i due momenti musicali offerti da altrettanti straordinari artisti messinesi, ormai icone della musica non solo siciliana. Stiamo parlando di Giacomo Farina e Tony Canto, entrambi hanno conquistato con la semplicità, l’autenticità e l’armonia di una musica senza tempo. Farina, al ritmo di fisarmonica e marranzano, è stato affiancato dalla straordinaria voce di Mariachiara Millimaggi delle Glorius4 che ha interpretato un brano scritto dal nonno dello storico esponente dei Kunsertu mentre Canto ha ammutolito con  l’immancabile 1908 dedicata al terremoto di Messina e il graditissimo omaggio a Domenico Modugno, attraverso l’esecuzione de La sveglietta.

In chiusura, la straordinaria esibizione del pastrychef Lillo Vinci, messinese che si è classificato al primo posto del premio regionale Goloasi e al secondo del Premio nazionale per il migliore panettone d’Italia, che ha preparato “in diretta” una torta mimosa con il simbolo del Cirs coinvolgendo il campione olimpico della pallanuoto Massimo Giacoppo. Quest’ultimo, testimonial del Cirs, dedica con passione il proprio tempo per dare voce non solo al lavoro di un ente che da cinquant’anni sta al fianco di chi ha bisogno, ma anche ai beneficiari dell’ente stesso. Il fiore rosa stampato nella sua maglietta bianca è un omaggio a tutti loro, donne e bambini in difficoltà, nella speranza che possano avere un futuro migliore.

Il campione olimpico Massimo Giacoppo davanti al fiore simbolo del Cirs

Di seguito il link con alcune foto della manifestazione (© Dominic Giliberto)

https://drive.google.com/open?id=1lHxTyLgOwyO17xNoZqZaURyk-ssdzYLH

Share: